OMS: edilizia responsabile del 39% dell’inquinamento dell’aria

Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata superata la soglia di sicurezza

Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata superata la soglia di sicurezza

In un precedente articolo pubblicato sul blog di Sistem Air abbiamo scritto dell’ultimo rapporto sulla qualità dell’aria pubblicato dall’OMS. Secondo i dati riportati nel report, quasi l’intera popolazione mondiale (99%) respira aria che supera i limiti di qualità dell’aria suggeriti dall’OMS. Minacciando, così, la propria salute.

Dal report dell’OMS, emerge che l’edilizia è responsabile del 39% dell’inquinamento globale con i rifiuti edili (C&D), spesso tossici e nocivi che rappresentano oltre 1/3 di tutti i rifiuti prodotti in Europa. Nei territori situati in prossimità dell’industria del cemento, inoltre aumenta il rischio di tumore. L’edilizia risulta anche responsabile del 36% del consumo globale di energia elettrica e di 1/3 del consumo globale di acqua potabile; favorendo i cambiamenti climatici ed eliminando 35 ettari al giorno di suolo.

I risultati hanno spinto l’Organizzazione Mondiale della Sanità a sottolineare l’importanza di limitare l’uso di combustibili fossili e di adottare altre misure tangibili per ridurre i livelli di inquinamento atmosferico.

Le indicazioni dell’Oms ai Governi per migliorare la qualità dell’aria e la salute

Le indicazioni dell’Oms ai Governi per migliorare la qualità dell’aria e la salute

Diversi governi stanno adottando misure per migliorare la qualità dell’aria, ma l’OMS chiede una rapida intensificazione delle azioni per:

  • Adottare o rivedere e implementare gli standard nazionali di qualità dell’aria secondo le ultime linee guida dell’OMS sulla qualità dell’aria
  • Monitorare la qualità dell’aria e identificare le fonti di inquinamento atmosferico
  • Sostenere la transizione verso l’uso esclusivo di energia pulita domestica per cucinare, riscaldare e illuminare
  • Investire in alloggi a basso consumo energetico e produzione di energia
  • Migliorare la gestione dei rifiuti industriali e urbani
  • Includere l’inquinamento atmosferico nei programmi di studio per gli operatori sanitari e fornire strumenti per il coinvolgimento del settore sanitario.

Circa 4.000 città/insediamenti umani in 74 paesi raccolgono dati di NO2 a livello del suolo. Aggregate, le loro misurazioni mostrano che solo il 23% delle persone in questi luoghi respira concentrazioni medie annuali di NO2 che soddisfano i livelli nella versione recentemente aggiornata delle Linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS.

È necessario migliorare il monitoraggio

È necessario migliorare il monitoraggio

Le persone che vivono nei paesi a basso e medio reddito sono le più esposte all’inquinamento atmosferico. Sono anche le meno coperte in termini di misurazione della qualità dell’aria, ma la situazione sta migliorando.

L’Europa e, in una certa misura, il Nord America, rimangono le regioni con i dati più completi sulla qualità dell’aria. In molti paesi a basso e medio reddito, sebbene le misurazioni del PM 2,5 non siano ancora disponibili, hanno visto grandi miglioramenti per le misurazioni tra l’ultimo aggiornamento del database nel 2018 e questo, con altri 1500 insediamenti umani in questi paesi che monitorano la qualità dell’aria.

Il blog della salute