Feci e cimici da letto: dove mettiamo la testa quando dormiamo

L’allarme di National Geographic contro gli abitanti della polvere. Il lato oscuro della notte

L’allarme di National Geographic contro gli abitanti della polvere. Il lato oscuro della notte

Le cimici da letto sono piccole bestioline che amano nascondersi e proliferare negli ambienti in cui è presente l’uomo o qualsiasi altro animale a sangue caldo. Spesso, viaggiando con le persone da un albergo all’altro arrivano fin dentro le nostre case. Si possono trovare, infatti, tra le pieghe del materasso, nel legno delle doghe del letto e persino nei vestiti.

Sebbene siano animali molto piccoli, le punture sono facilmente riconoscibili. Inizialmente assomigliano molto a quelle di una comune zanzara, sennonché sono spesso a gruppi di 3, tutte in linea, questo perché le cimici adulte pungono 3 volte e spostandosi di molto poco.

National Geographic, a questo proposito, ha pubblicato un video molto bello (e un po’ inquietante…) che mostra efficacemente tutto quello che c’è da sapere sulle cimici da letto. È possibile vederlo cliccando qui.

Gli errori più comuni che fanno fallire la disinfestazione

Gli errori più comuni che fanno fallire la disinfestazione

Esistono quattro semplici indizi per riconoscere la presenza delle cimici da letto nelle nostre case:

  • Punture da cimice: non sono dolorose e possono essere confuse con quelle degli altri insetti. Tuttavia, durano più a lungo di quelle delle zanzare (che poi in inverno sono rare) e compaiono spesso in fila e sulla stessa area cutanea.
  • Macchie di sangue sulle lenzuola.
  • Feci: sono liquide e di colore scuro, poi se vengono a contatto con materiali impermeabili si solidificano.
  • Esuvie: le giovani cimici, quando rinnovano i loro rivestimenti rigidi e giallo scuri (esuvie) li abbandonano nei nidi o in giro per le stanze.

Nella lotta alle cimici dei letti è sconsigliato l’uso di insetticidi che agiscono per “ingestione/contatto” perchè poco efficaci e tossici per gli esseri umani.

L’utilizzo del calore, invece, richiede molta attenzione e l’utilizzo di attrezzature speciali in grado di produrre temperature molto elevate per ottenere un trattamento termico efficace. Per questo motivo non è né una soluzione facile da attuare né conveniente.

La prevenzione è possibile con l’aspirapolvere centralizzato

La prevenzione è possibile con l’aspirapolvere centralizzato

Una valida soluzione è rappresentata dall’aspirapolvere. Il suo utilizzo, infatti, può eliminare alcune delle cimici dei letti aspirando con cura il tappeto, il pavimento, i mobili imbottiti, la struttura del letto, sotto il letto, attorno alle gambe del letto e attraverso tutte le eventuali crepe nella stanza.

Passare l’aspirapolvere non potrà rimuovere tutte le eventuali cimici e tanto meno le loro larve e uova (avvolte in una sostanza collante che le fa aderire tenacemente agli anfratti in cui sono state deposte), ma, oltre a ridurne significativamente la possibile colonia, elimina gran parte di detriti e residui di varia natura che potrebbero ostacolare l’azione di successivi interventi disinfestanti.

L’impianto di aspirapolvere centralizzato, in particolare, evita di dover cambiare frequentemente il sacchetto, azione obbligatoria nel caso in cui venga utilizzato un aspirapolvere tradizionale per evitare che le cimici dei letti possano sfuggire.

Il blog della salute