Acari e non solo: ecco gli ospiti indesiderati nel nostro letto

Da un articolo del Corriere della sera tutti i rischi di una camera da letto sporca

Da un articolo del Corriere della sera tutti i rischi di una camera da letto sporca

Capita a molti di svegliarsi con la pelle irritata oppure di avvertire, quando suona la sveglia, il naso chiuso. Probabilmente non ci si pensa, ma potrebbe anche essere colpa delle lenzuola che, quando non sono pulite, sono in grado di attirare parecchi allergeni. Non solo, anche le polveri dell’atmosfera si depositano sulle lenzuola e vengono inalate per circa otto ore al giorno.

Del resto, l’elenco di ciò che si annida nel letto fa una certa impressione: funghi, batteri, peli di animali, pollini, ma anche vari residui del corpo umano, come sudore, espettorato, secrezioni vaginali e anali, urina, cellule della pelle. Secondo vari ricercatori anche le quantità fanno spavento: è stato calcolato che un uomo di media corporatura può rilasciare nel letto fino a 100 litri di sudore all’anno e che i cuscini, di piuma o sintetici, possono contenere da 4 a 17 specie diverse di funghi. In più, ci sono i residui dei cibi che a volte capita di consumare nel letto, e di cosmetici, come ad esempio oli e creme per il corpo.

I letti sono anche il nido preferito degli acari, che qui trovano un ambiente umido, perfetto per la loro sopravvivenza. Ce ne possono essere 12 mila per ogni grammo di polvere e fino a un milione nel materasso. Si tratta di piccoli insetti che possono aggravare l’asma, esacerbare o provocare allergie, come rinite e orticaria.

Qualche trucco per dormire meglio ed evitare spiacevoli inconvenienti

Qualche trucco per dormire meglio ed evitare spiacevoli inconvenienti

L’articolo del Corriere della Sera riporta anche che secondo i vari ricercatori l’ideale per mantenersi in salute è lavare le lenzuola una volta alla settimana, soprattutto d’estate quando si usano pigiami leggeri e la pelle resta a diretto contatto con il tessuto. Si tratta di una raccomandazione, di una indicazione di massima, anche lavarle ogni 9-10 giorni può essere sufficiente, ma meglio non andare oltre i 12.

Inoltre, dopo il lavaggio, mai riporre le lenzuola nell’armadio ancora umide, per non creare un ambiente favorevole alla proliferazione degli acari. D’estate, lenzuola felpate, coperte, piumoni che non si utilizzano più andrebbero riposti in un sacco sottovuoto, da mettere poi in una borsa di colore scuro: la mancanza di aria e di luce è un ottimo modo per mettere gli insetti ko.

Un altro accorgimento contro gli acari (che piacerà ai più pigri e disordinati) arriva da uno studio dell’Università di Kingston, in Inghilterra, secondo cui lasciare il letto sfatto, con lenzuola e coperte all’aria, tiene alla larga i parassiti della polvere.

Con l’aspirapolvere centralizzato il pulito arriva anche nel letto

Con l’aspirapolvere centralizzato il pulito arriva anche nel letto

Oltre agli accorgimenti, più o meno conosciuti, per ridurre la presenza di sporco e acari nei nostri letti, esiste un sistema in grado di creare davvero all’interno delle camere da letto un ambiente davvero salubre e pulito. E questo sistema è l’aspirapolvere centralizzato, che elimina ed espelle all’esterno da tutte le superfici della casa polveri, micropolveri, acari, virus e batteri.

Inoltre, con le apposite spazzole per materassi è possibile pulire davvero a fondo i letti preservando la qualità dei tessuti. Un vero toccasana, insomma, per la camera da letto.

Il blog della salute