Numeri

L’uomo inala dai 10.000 ai 20.000 litri d’aria al giorno e la maggior parte dell’aria inspirata proviene dagli ambienti indoor.

In Europa la popolazione spende fino al 90% del tempo negli ambienti indoor: il 55% nelle abitazioni, il 33% negli ambienti di lavoro, il 4% negli altri ambienti chiusi e solo il 4% all’aperto.

L’inquinamento indoor è responsabile del 2,7% del carico globale di malattia nel mondo (Fonte: Global Health Risks: Mortality and burden of disease attributable to selected major risks WHO, 2009).

In alcuni Paesi europei il 20-30% delle famiglie ha problemi di umidità nelle abitazioni con un conseguente aumento del 50% del rischio di disordini respiratori e il 13% di casi di asma infantile (Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità 2009).

Tra le patologie correlate agli edifici, le malattie allergiche respiratorie hanno un grande rilievo per il loro impatto sulla salute e la loro incidenza sta aumentando in tutta Europa. L’asma colpisce la popolazione adulta europea nella misura del 3-8%, mentre la prevalenza nella popolazione pediatrica è ancora maggiore.

In Italia trascorriamo l’89% del nostro tempo in ambienti indoor, con valori che oscillano tra l’84% e il 93%.

Valutazione quantitativa dell’impatto sulla salute della popolazione e dei costi diretti per l’assistenza sanitaria
attribuibili ogni anno agli inquinanti indoor in Italia

Inquinante Malattia Impatto sanitario Costi diretti (€)

Allergeni

(acari, muffe, forfore animali)

Asma bronchiale

(bambini/adolescenti)

Oltre 160.000 casi prevalenti/anno Oltre

80 milioni

Radon Tumore del polmone 1.500-6.000 decessi anno 25-105 milioni
Fumo di tabacco ambientale Asma bronchiale (bambini/adolescenti)

Infezioni acute delle vie aeree superiori e inferiori

Tumore del polmone

Infarto del miocardio

Oltre 30.000 casi
prevalenti/annoOltre50.000 nuovi
casi/annoOltre 500 decessi/anno

Oltre 900 decessi/anno

Oltre
15 milioniNon
valutabileOltre 9 milioni

Oltre 7,5 milioni

Benzene Leucemia 36-190 casi/anno 0,5-3,5 milioni
Monossido di carbonio (CO) Intossicazione acuta da CO Oltre 200 decessi/anno 0,5 milioni

Dati dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) evidenziano che almeno il 15% dei bambini e degli adolescenti vivono in case molto umide e in condizioni microclimatiche che contribuiscono allo sviluppo e peggioramento delle crisi asmatiche (OMS 2009).

Si stima che in Europa l’inquinamento indoor sia responsabile del 4,6% delle morti per tutte le cause e il 31% delle inabilità DALY (Disability Adjusted Life Years) nei bambini da 0 a 4 anni di età. A fronte della maggiore suscettibilità dei bambini alle esposizioni indoor, l’aria degli ambienti di vita dove trascorrono più tempo, la casa e la scuola (percepiti come ambienti tra i più sicuri), spesso risulta contaminata da livelli significativi di sostanze inquinanti, con gravi rischi per la salute.

Note: Il Disability-adjusted life year o DALY (in italiano: attesa di vita corretta per disabilità) è una misura della gravità globale di una malattia, espressa come il numero di anni persi a causa della malattia, per disabilità o per morte prematura.

Fonte: Istituto Superiore di Sanità (Gruppo di Studio Nazionale Inquinamento Indoor)

TORNA ALL’EDIFICIO SALUBRE